sabato 5 agosto 2017

64

Il posto in aereo (Saturday night sondaggismo)

corridoio o finestrino
È la vexata quaestio che si ripropone ogni volta che uno deve prendere un cacchio di aereo e si sente ripetere a bruciapelo al check-in, da una hostess col trucco non impeccabile e l'aria inevitabilmente scojonata, LA domanda. "Corridoio o finestrino?". Non ti chiedono se vuoi il posto centrale perché nessuno vuole mai il posto centrale, ovvio. Il punto, evidentemente, è: cosa diavolo rispondi? [...]

Per una qualche ragione che ancora non hai compreso del tutto (ma non è chiusofobia, cit.), te quando puoi scegli sempre il corridoio. Così, soprattutto sui voli lunghi, non devi svegliare nessuno per alzarti. Piccola controindicazione: l'istinto omicida ridestato ogni volta che ti urtano il gomito con il carrellino. Però sì, dai, sei tipo da corridoio.

La domanda, mai come questa volta, è semplicissima. In volo preferite il posto finestrino o quello corridoio? Tecnicamente sarebbe anche possibile scegliere il posto centrale, ma non lo fa mai davvero nessuno, perciò se lo fate voi poi è lecito guardarvi in modo strano, ecco. Niente commenti anonimi, niente rotture di finestrini ai commenti altrui o precisinate non richieste. Volare Votare!

64 commenti:

  1. Corridoio, sempre. Così ti puoi alzare come e quando ti pare, e si sta molto meno stretti.

    RispondiElimina
  2. Io sono da voli brevi, riesco a stare seduto due orette
    Finestrino
    ...e se proprio mi dovessi alzare non è che soffrirei troppo per gli altri 2

    RispondiElimina
  3. finestrino... almeno posso guardare fuori e appoggiare la testa al muro (? si chiama cosi?) per dormire.
    poi normalmente non mi alzo quasi mai quindi non ho il problema di scomodare i vicini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo si chiami carlinga. Ma mi aspetto di essere smentito e preso a coppini fortissimi sul collo

      Elimina
    2. Carlinga va benissimo. Meglio di parete...

      Elimina
  4. Finestrino. Non riesco a viaggiare senza vedere il paesaggio.
    Inoltre ho sempre preso l'aereo in compagnia, quindi mai avuto problemi a scavalcare/scomodare chi viaggiava con me

    RispondiElimina
  5. Finestrino, altrimenti come le fai le foto da 1000 like su Insta? XD

    Moz-

    RispondiElimina
  6. Se mai avessi voce in merito,opterei per il corridoio,meno rogne per eventuali tragitti allo bagno e/o altrove

    RispondiElimina
  7. Sugli aerei ci lavoro, da tanto tempo non sento questa domanda? Se fosse per me corridoio tutta la vita😀

    RispondiElimina
  8. finestrino, poichè, quando capita, dopo una qualunque trasferta, di tornare a casa, cerco sempre di addocchiare la casa dei miei. Io non ci sono ancora riuscito, mio padre, che per lavoro viaggia spessissimo, ce l'ha fatta una volta in 30 anni. Quindi, uno dei miei piccoli obiettivi nella vita (forse hai fatto già un sondaggissimo su questi, ma se non l'hai fatto potrebbe non essere una cattiva idea) è quello di vedere casa dal finestrino

    RispondiElimina
  9. Finestrino, se non altro per controllare che non ci siano gremlin sull'ala

    RispondiElimina
  10. Io finestrino, ma tirerei un sganassone sui denti a quelli che ti saltano addosso per guardare cosa c'è fuori dal finestrino... una volta uno mi è praticamente atterrato sui birilli per sporgersi...

    RispondiElimina
  11. Nei voli brevi finestrino.
    In quelli lunghi...ne ho fatto solo uno, mi han fatto perdere la coincidenza e ripartire alle due di notte del giorno dopo con un posto a caso. Comunque avrei scelto finestrino.

    RispondiElimina
  12. Bentornato Doc, innanzitutto.
    Dato che l'aereo non lo prendo quasi mai, scelgo POSTO CENTRALE. Primo, perche' amo sfidare la sorte. Secondo, perche' sono un bastian contrario. E terzo, perche' li' l'aereo e' piu' protetto. O era che in caso di schianto si muore subito? Non ricordo...

    RispondiElimina
  13. Sempre corridoio x potermi alzare quando voglio e allungare le gambe

    RispondiElimina
  14. Finestrino! Praticamente sempre. E se il viaggio è lungo il mio fidanzato si becca il posto centrale... L'anno scorso di ritorno da Tokyo mi capitò il posto centrale della fila centrale: volevo morire!

    RispondiElimina
  15. L'altezza è normalmente considerata un pregio, la bassezza un difetto. "Altezza mezza bellezza", i corazzieri, "come sei diventato alto", Brunetta, eccetera...

    Trovo che in pochi sottolineino tutte le scomodità dell'essere alti.
    Non altissimi, intendiamoci, da sfondare i due metri (o i tre).
    (Hodor!)
    Semplicemente "alti", poniamo fra l'unoeottanta e l'unoenovanta.
    Come me, tipo.

    Ecco, essere alti sarà anche essere mezzi belli, ma è anche una bella rottura di b*lle.
    Nelle foto di gruppo vai dietro, che se no copri la gente; al cinema ti senti in colpa per quelli dietro di te e ti infossi nel sedile; ai concerti la gente ti dice "spostati"; a letto con la tua bella... va be', a letto immaginate pure.

    E in aereo: beh, alla BOING avranno un algoritmo per sedili tarato sull'altezza del cinese medio. Non so, unoessessanta-unoesettanta.
    Col risultato che io, che sono mezzo-bello, ho le ginocchia in bocca dopo tre minuti dal decollo, dopo quattro mi si anestetizza il fondoc*lo, patisco formicolii per tutto il resto del viaggio.

    Io VORREI tanto il posto del finestrino per vedere il panorama dal punto di vista di Dio... MA NON POSSO e quindi mi tocca chiedere il posto corridoio, per stendere le gambe.
    (Che poi forse è in realtà un problema di circolazione e l'altezza non c'entra niente.)

    PS: Un abbraccio al doc che sta riprendendo il ritmo (e spero anche tutto il resto).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cristosanto, hai riassunti i miei problemi durante i viaggi in aereo (assenstandosi il sottoscritto sui 190 cm), ma io prendo il posto finestrino lo stesso, soffro, ma almeno mi godo la visuale.

      Elimina
    2. Io invece sto comodo ovunque! Ma ovunque eh!
      Pure nel bagaglio.

      Sono brutto e faccio schifo alle donne ma sto comodo ovunque!

      Elimina
    3. Anche io sono brutto, sporco e cattivo, nonché col bacino basso, quindi non ho problemi a sedermi. In ogni caso preferisco il finestrino, almeno se l'areo dovesse precipitare per un guasto o scoppiare per una bomba o un attacco alieno posso vedere il cielo prima di schiattare!

      Elimina
  16. Non ho ancora fatto dei viaggi lunghi, tipo USA o Medio-Estremo Oriente, quindi non saprei come regolarmi in quei casi.
    Ma per andare a Londra, Parigi, Berlino, Sharm el-Sheikh o posti del genere non ho problemi di vescica e se posso mi siedo vicino al finestrino, ma a dir la verità non è che mi importi molto, l'importante è avere una Settimana Enigmistica o un libro per ammazzare il tempo.

    RispondiElimina
  17. Finestrino,amante come sono del volo in qualunque forma e sotto tutti gli aspetti tecnici possibili starei ore a guardare giù e a sognare

    RispondiElimina
  18. Anche nei volo intercontinentali transoceanici che ho fatto,sempre finestrino

    RispondiElimina
  19. Escludendo Ryanair dove ultimamente se non paghi hai il 99,98% di probabilità di beccare il posto centrale, io per i viaggi di lavoro preferisco il posto corridoio (così mi alzo quando e quanto mi pare), mentre se vado in vacanza scelgo il finestrino ed intaso i social con foto e video a volontà.
    In ogni caso, se viaggio da solo scelgo il posto (corridoio o finestrino) di una fila dove il posto centrale è libero e l'altro già occupato. Se siamo in 2, prendiamo i 2 estremi e lasciamo il post centrale libero. In questo modo, se l'aereo non è pieno c'è la possibilità che il posto centrale rimanga libero. Se invece l'aereo è pieno, posso sempre proporre uno scambio di posto per stare vicino alla mia dolce metà...

    RispondiElimina
  20. Corridoio, senza se e senza ma

    RispondiElimina
  21. Mah, mi sa che mi é indifferente.

    RispondiElimina
  22. Io ho viaggiato in aereo solo da bambina e per voli brevi, per cui mi piaceva stare al finestrino a guardare le nuvole da sopra.

    Ora però che sono una "signora" di un certo peso (ehm... ^^;), con la circolazione delle gambe che è quella che è (grazie ereditarietà, eh!)... direi che, in caso di voli lunghi, dovessi scegliere sarebbe per il posto a corridoio. Per farmi un po' di passeggiate senza scocciare nessuno e per andare alla toilette quando mi gira (ché son sempre una donna :D ).
    Per i voli brevi mi piacerebbe riguardare di nuovo le nuvole da sopra, ma mia madre mi ha terrorizzato quando ha avuto problemi di vene anche solo per arrivare a Creta, per cui no, forse sceglierei comunque corridoio... :-\

    RispondiElimina
  23. Corridoio, nei voli lunghi e brevi. Mi alzo quando voglio, posso allargare il braccio nei periodi in cui non ci sono carrelli che girano. Non dormendo praticamente mai in aereo, se qualcuno seduto all'interno mi chiede di uscire non mi crea problemi.

    RispondiElimina
  24. Ex finestrista, corridoista: comodo quando sali, comodo quando scendi... E se ci sono le hostess bone hai un posto in prima fila ^_^

    RispondiElimina
  25. sempre finestrino, per vedere meglio i gremlins che distruggono i motori

    RispondiElimina
  26. Anzitutto bentornato Doc :)

    Da buon panoramista da competizione (anni di allenamento in treno "lato binario e/o mare, e senso di marcia") e geografo: finestrino. Tra gli avvistamenti particolari, ho la vecchia fissa di aver riconosciuto chiaramente Barcelonnette, in Provenza (o era Briançon)? Nel volo intercontinentale che capitommi, ricordo un bianco abbagliante nei pressi del Triangolo delle Bermuda :-D ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aggiunta: in quel passaggio di sbieco quasi sulla Florida, più che cercare Miami (troppo ovvio), m'interessava Fort Lauderdale, per ragioni che definirei meta-antristiche. Avrò visto "Navigator" fin quasi a ricordarlo a memoria, ed era un trentennio che mi domandavo se IO fossi riuscito a riconoscerla dall'alto (senza fuochi artificiali). Ma, come detto, la zona del Triangolo era tutto un bagliore bianco... Gomblotto alieno!!! :-D

      Elimina
  27. Finestrino senza pensarci...Mi piace anche per questo viaggiare in aereo

    RispondiElimina
  28. Finestrino. Anche per il potere sulla tendina

    RispondiElimina
  29. Per voli brevi dove capita, ma il piu' possibile vicino alle uscite quindi testa o coda.
    Dalle 2 ore in su finestrino sempre e comunque. Non che guardi fuori, poso la testa ed entro in catalessi.

    RispondiElimina
  30. Finestrino perché siccome vado in aereo ogni dimissione di papa (che come abbiamo visto con Ratzi è più rara della morte) almeno me lo godo!

    RispondiElimina
  31. Avendo a che fare per lavoro con gli aeromobili molto più di quanto umanamente sopportabile, direi finestrino, ma del terminal. Al limite, il cockpit se c'é il seggiolino supplementare disponibile.

    RispondiElimina
  32. Finestrino tutta la vita! La maggior parte delle volte sono viaggi brevi e non mi succede mai di dovermi alzare (e anche se fosse...)

    RispondiElimina
  33. Corridoio. Il finestrino mi dà fastidio perché mi sento "incastrato" nell'angolo. Il corridoio invece mi dà un senso di maggiore libertà. E poi mi permette di stendere un po' le gambe.

    Ma la vera domanda é: perché mi capita sempre di stare sopra l'ala?

    RispondiElimina
  34. corridoio. soprattutto con gli intercontinentali.

    RispondiElimina
  35. Corridoio sull'ala, in modo che la mia paura delle vertigini non mi permetta neanche per sbaglio di guardare fuori...

    RispondiElimina
  36. Da che ho dovuto passare 2 ore immobile perché il neonato di fianco a me si era finalmente addormentato...corridoio tutta la vita: toilette a portata di emergenza, e xanax in borsa, così se gli altri devono alzarsi devono metterci della convinzione... :)

    RispondiElimina
  37. Sempre corridoio tranne i viaggi notturni. La notte mi piace guardare dal finestrino

    RispondiElimina
  38. ma sono l'unica che preferisce il posto davanti al finestrone....dell'aeroporto, perchè non volerei nemmeno sotto tortura?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è obbligatorio volare (né viaggiare in generale a dirla tutta) però volare ti permette di raggiungere rapidamente mete che con altri mezzi sarebbero troppo distanti. Ti basta superare la paura dell'aereo (che è per altro irrazionale dato che statisticamente è molto più rischiosa l'auto) e in qualche ora puoi arrivare a Tokyo, a New York, a Buenos Aires. Si vive una volta sola e se ti piace l'idea di vedere un po' di Mondo quella cosa del finestrone andrebbe superata. Poi sono scelte personali, ovvio. :-)

      Elimina
    2. Stavo leggendo tutti i commenti e pensavo: ora scrivo "ho il terrore degli aerei" e sarò l'unica. Non per fare la strana, perché è vero. Invece arrivo qua e vedo che siamo almeno in due. E le volte che ho volato, corridoio, e sbagliando, perché la dicitura esatta dovrebbe essere, per quelli come me, corridoio con occhiali oscurati, tappi nelle orecchie e casco insonorizzato. In quanto ogni esclamazione di quelli vicino, da "come balla!" a "guarda!!!" mi scatena la tachicardia e il pianto isterico.

      Elimina
  39. FINESTRINO SE DA SOLO, CENTRALE SE SONO CON LA MIA FIDANZATA COSI' LEI PUO' SCEGLIERE

    RispondiElimina
  40. Sono un metro e 95, ma scelgo sempre il finestrino. Adoro guardare giù, cercare di capire la Terra dall'alto. Per il bagno tengo tantissimo, disturbo il meno possibile chi sta seduto sul corridoio.

    E le gambe? Appena arrivo in aeroporto parte la mezza maratona per riattivare la circolazione!

    RispondiElimina
  41. Finestrino, per il puro gusto di rompere le palle a quelli seduti nel corridoio quando devo andare in bagno

    RispondiElimina
  42. In fin dei conti, credo corridoio. Se non altro, perché mi posso alzare quando mi pare. Mi piace stare vicino al finestrino per poter vedere fuori, ma dopo un viaggio di svariate ore con la hostess che mi impone di chiudere la tendina e i vicini di posto che guardano male perché mi devo alzare... No dai, corridoio.

    RispondiElimina
  43. Nei momenti migliori di un volo riesco a rilassarmi e a convincere il mio cervello che non sono effettivamente sospeso in aria a ragguardevoli altezze, pertanto quando viaggio da solo prediligo i posti corridoio o, in mancanza di meglio, quelli centrali. Se invece viaggio in compagnia preferisco finestrino/centrale, feci un volo con un collega di lavoro che parlava molto, io giravo la testa per parlare e accanto a lui c'era il finestrino e vedevo la terra lontanissima e non fu un bel volo ecco. Comunque volando quasi esclusivamente con compagnie low cost in cui la scelta del posto si paga mi accontento di quel che mi danno.
    In due diverse occasioni mi é capitato di stare in fondo all'aereo. Suoni piú bassi rispetto alla posizione ala, viavai di hostess, bagno vicino e mancanza di finestrini, i voli migliori che abbia mai fatto in vita mia.

    RispondiElimina
  44. Come il Doc dico 'corridoio', perche' e' piu' comodo per andare alla toiletta o semplicemente sgranchirsi le gambe.
    Da quando viaggio in compagnia di mia moglie, pero', mi tocca spesso il posto centrale perche' lei sceglie sempre il posto finestrino. In pratica le uniche volte in cui becco il posto corridoio e' quando viaggiamo in aerei ad elica. :D

    RispondiElimina
  45. Finestrino. Cosi se voglio dormire posso appoggiare la testa di lato :)

    RispondiElimina
  46. dipende dall'orario e dal volo... viaggio verso sydney, corridoio, anche solo per alzarsi.. peccato che da dubai a sydney, sul maestoso A380, mi sia capitato finestrino con megattera australiana su sedile centrale... ho passato un paio di ore a cercarle lo sfiatatoio per poterla uccidere nel sonno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella dei passeggeri obesi è una delle grandi trappole della strategia "sempre finestrino" che alcuni adottano: non ti godi il panorama se hai la mastodontica chiappa di un estraneo sudato e ansimante che ti comprime contro la carlinga con la forza dei rimpianti accumulati in mille gite al McDonald's.

      Elimina
  47. Per me dipende dal tipo di volo, dalla durata, dall'ora in cui si parte:

    - Sedile finestrino: quando sono su voli brevi in cui voglio lavorare al PC indisturbato oppure su voli lunghi su aerei non enormi in cui conto di dormire;
    - Sedile corridoio: generalmente su voli molto lunghi in aerei di una certa dimensione (es. l'ho scelto su un Airbus da Auckland a Dubai, quasi 17 ore) nei quali non voglio rischiare di trovarmi bloccato da due persone che dormono qualora abbia voglia di stretcharmi, camminare, espletare funzioni fisiologiche. In particolare, in quei casi cerco un posto di corridoio nella colonna centrale (in modo che la persona accanto a me possa eventualmente scegliere di scomodare altri anziché me per alzarsi se sto dormendo o guardando un film di Bollywood di quelli in cui tutti hanno i baffi);
    - Sedile centrale: su voli notturni in cui non prevedo ci siano molte persone mi è capitato anche di scegliere un posto centrale al checkin. Si tratta in sostanza di scommettere sul fatto che ci siano più persone che viaggiano in gruppo che da sole: una coppietta di sposini difficilmente sceglierà il posto alla mia destra e quello alla mia sinistra, vorranno sedersi l'uno accanto all'altra, quindi sceglieranno un'altra fila. Aumenta in sostanza la probabilità che uno dei due posti accanto a me rimanga vuoto, cosa che posso sfruttare per appropriarmi di un secondo sedile come un vero mascalzone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che poi sui voli con mezzi grossi, magari hai la fila centrale libera.. 4 posti che diventano un bel lettino.
      Dimenticavo... poi al ritorno da sydney ho fatto scalo a HK... con carico di turisti tedescofili sudati da far schifo e che puzzavano di ladyboy!

      Elimina
  48. Finestrino.
    Visto che in qualsiasi posto stò sono comunque a millemila metri da terra con nulla sotto il sedere, tanto vale godersi il panorama ;)

    RispondiElimina
  49. Corridoio, per non dover appoggiare il pacco in faccia alla gente ogni volta che sgattaiolo fuori per andare in bagno.

    RispondiElimina
  50. Finestrino, per poter vedere bene il troll sull'ala

    RispondiElimina
  51. finisco per battermi i pugni sulle ginocchia se non sento le gambe, con il posto corridoio posso sbracare almeno una delle due gambe e lasciarla vagare fiera prima che arrivi il carrellino, l'altra girarmela là dove arriva la pioggia.

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails